venerdì 14 marzo 2014

Manuale per sopravvivere dopo la morte

Manuale per sopravvivere dopo la morte

Ensitiv

In uscita a febbraio il primo, attesissimo libro di Ensitiv, un manuale che: «se letto da vivi, vi ritornerà utilissimo da morti», e non solo.

L’autore, che dai tredici anni compie Viaggi Astrali, non ama definirsi un medium, né un occultista, quanto piuttosto un abbraccio o un sorriso confortante in grado di donare serenità e gioia. Grazie a queste sue “uscite”, Ensitiv ha visto accendersi numerose luci sul mondo spirituale e ciò che era oscuro e incomprensibile gli è divenuto chiaro e intelligibile, affinando sempre più la sua sensibilità e la sua comprensione di questo universo. Ora, a quasi trent’anni di frequentazione del mondo astrale, decide di affidare alla penna ciò che ha imparato, affinché possa servire a tutti coloro che si pongono domande sul che cosa succeda all’anima dopo la morte, sulla diversità del passaggio a seconda di come si giunge a questo ineluttabile momento e, ancora, sul chi accolga l’anima dei bambini, sullo spaesamento provato da chi muore inseguito a un’overdose o chi si trova coinvolto in una strage, sul destino delle anime dei suicidi, sulla cosiddetta morte improvvisa... 
Attraverso un’attenta e sensibile analisi di che cosa comportino i diversi tipi di morte, Ensitiv conduce il lettore ad affrontare il tema della vita oltre la vita, perché come scrive nel suo saggio: «Ho iniziato tutto dalla fine e finirò con un nuovo inizio».

http://www.unoeditori.com/sentieri-spirituali/164-dopo-la-morte-cosa-succede-manuale-.html

a. 180
€     12,00

sabato 2 novembre 2013

La Bibbia non è un libro Sacro

La Bibbia non è un libro Sacro (di Mauro Biglino)


La divinità spiritualmente intesa non è presente  nell’Antico Testamento. In particolare nella Bibbia non c’è Dio e non c’è culto rivolto a Dio. Ecco perché il titolo afferma  che la Bibbia non è un Libro Sacro.

Chi è intervenuto nei secoli modificando la Bibbia?
Siamo vittime di un grande inganno?

Leggi questo libro e in merito alla Bibbia verificherai molte cose tra cui:

•    Abbiamo solo una delle bibbie possibili
•    Non sappiamo nulla su chi e quando l’ha scritta
•    Ci è stata nascosta la vera natura dell’Albero della Vita
•    Noi siamo degli OGM
•    Dio si stanca, si sporca e ha fame
•    11 libri Biblici sono ufficialmente scomparsi
•    La creazione dell’uomo intesa come atto divino è falsa
•    Il Peccato Originale è solo una favola…
•    Il Dio biblico non era il padre di Gesù
•    Come si costruisce una religione


“Leggere Mauro Biglino significa avere costantemente le vertigini.
Significa mettere in discussione  tutte le nostre certezze, avvalorate
da secoli di dottrina, di catechesi, di tradizioni popolari,
costruite sulle fondamenta dell’Antico Testamento come testo
rivelato dal quale Dio ha parlato all’Umanità”.

Sabrina Pieragostini (Giornalista Mediaset)


Alcuni video interessanti:

Mauro Biglino: La non logica dell'esegesi biblica 



LA BIBBIA E' PIENA DI TAGLI E OMISSIONI 

 
M. BIGLINO: COSA TEMEVANO GLI ELOHIM? 

 
Mauro Biglino: La bibbia è affidabile? E' un libro di verità? 



giovedì 16 maggio 2013

Pizzo Scalino - La S. Messa

Proseguono le indagini dell'ormai noto fenomeno "UFO in Valtellina". Pubblichiamo l'interessante articolo di Dario Giacoletto tratto dal suo blog www.presenze-aliene.blogspot.it ...Buona lettura!


PIZZO SCALINO
La S. Messa
di Dario Giacoletto


Voi eravate presenti e avete visto, avete il dovere morale di testimoniare il vero.

Magnifica e indimenticabile giornata per i presenti, fu il 22/8/2010 in cima a Pizzo Scalino; noto monte dell’alta Valmalenco. Fu il centenario della posa della croce ivi presente. Intervennero maestranze della vallata: il vescovo di Como monsignor Diego Coletti, don Alfonso Rossi, alcuni sindaci in fascia tricolore e circa duecento volenterosi o fedeli. Tutto si svolse nei migliori dei modi, esattamente come attesta l’immagine sottostante, finché avvenne qualcosa che divenne indimenticabile per i presenti. Qualcosa che dalle loro menti non potrà più essere rimosso, se non facendo violenza su se stessi. Ho sentito alcuni testimoni e, il coro è stato unanime. Non vi è ombra di dubbio, è avvenuto!.. Con motivazioni senza sostanza, si potrà tacere al mondo; ma non si potrà cancellare!..

Voi eravate presenti e avete visto, avete il dovere morale di testimoniare il vero.

Per una serie di condizionamenti vari però, la vicenda fu posta nel dimenticatoio con l’intento di non rispolverarla più. Alcune persone presenti, che per il momento vogliono mantenere l’anonimato, non erano però d’accordo, mi contattarono, mi informarono. Altri che avevano fotografato l’evento e si ritrovavano le foto scottanti tra le mani; hanno contribuito a far trapelare la notizia. Quanto avvenuto è diventato il segreto di Pulcinella! E’ un peccato che i giornali di zona abbiano intenzionalmente ignorato quella giornata nell’aspetto ufologico; mentre, stranamente l’anno abbondantemente ricordata nell’aspetto non ufologico! Siamo alle solite!..

 Voi eravate presenti e avete visto, avete il dovere morale di testimoniare il vero.

Mentre serenamente procedeva la giornata del centenario; ecco comparire l’inaspettato e non invitato ospite. Un magnifico ufo o disco volante! Anzi, non uno solo ma tre! Non che queste cose siano nuove in Valmalenco e Valtellina; ma certo sconcertò tutti la loro presenza così palese! L’attenzione di tutti i presenti si rivolse quindi alle presenze aliene e, quelli che tra i presenti avevano un mezzo per fotografare, iniziarono a fotografare. L’immagine sottostante lo conferma ampiamente. Io che ho visionato alcune decine di foto, sono rimasto meravigliato. Tutti i presenti (ripeto, circa duecento persone), più tutti quelli che non erano saliti in cima a Pizzo scalino ma che hanno visto e fotografato dal basso e quindi alcune altre centinaia di persone; sono state testimoni dell’evento. Teniamo presente che l’alta val Malenco è molto frequentata nel periodo in questione. Numerosi rifugi alpini per numerosi rocciatori e camminatori, in una zona dove la strada carrozzabile già sale oltre i duemila metri. Non meno di cento persone quel giorno, hanno fotografato dal basso o dall’alto, gli ufo presenti su Pizzo Scalino. Le immagini si confermano a vicenda e completano il quadro di quanto avvenuto. Tacere una cosa del genere, equivale a sostenere l’omertà di sistema, che attanaglia tutta quanta l’umanità!

 Voi eravate presenti e avete visto, avete il dovere morale di testimoniare il vero.

INVITO AI PRESENTI

A Diego Coletti:
.. tu che hai scelto di essere pastore di anime e di credenti; perché taci la verità in pubblico? Non eravate proprio voi (istituzione chiesa) ad affermare che: La verità vi renderà liberi? Nelle foto si vede che hai deciso di metterti in posa per le foto ricordo. Non accuso certamente di questo; io avrei fatto ancora di più! Il punto però non è questo; non dovresti essere tu a indirizzare i credenti verso il vero? Avete paura della libertà dei credenti? Spero di no!. Si vocifera che sulla tua scrivania, tieni con orgoglio la tua foto con l'ufo; perché non la fai vedere anche a tutti noi? Potremmo farci tutti una risata collettiva! Perché non hai risposto alla mia richiesta di testimoniare quanto avvenuto quel giorno?
Ai Sindaci della vallata:
.. che siete stati testimoni di quanto avvenuto e che siete a conoscenza di quanto si sta verificando in tutta la zona è cosa certa. Essere sindaci, significa rappresentare la popolazione. Il sindaco deve rappresentare la verità o l'interesse ipotetico? Quale danno avreste ricevuto dal dire il vero? Pensate di aver fatto bella figura nascondendo e nascondendovi? Cosa pensano ora i cittadini di voi?
Ai rappresentanti dell'Arma dei Carabinieri:
..ho scorto a Pizzo Scalino, rappresentante dell'Arma. A lei mi rivolgo con il presente messaggio. Non conosco cosa esattamente preveda il regolamento al quale si deve attenere, di fronte alla presenza aliena riscontrata. Non le chiedo pertanto di esprimersi laddove può incorrere in contrasto; le chiedo però di testimoniare nella misura in cui la legge lo consente.
Ai giornali locali:
..non potete non aver saputo. Non potete continuare a tacere. Ne va di mezzo la vostra credibilità. Dite il vero!.
Ai presenti tutti:
..tutti voi avete visto. Quasi tutti avete fotografato. Tutti ricordano e molti dicono; ciononostante la Santa Messa si tramutò in una prevalente messa.. a tacere! Vi chiedo di riscattarvi, di fare un passo avanti e di dichiarare l’avvenuto. La faccia l’avete involontariamente messa a Pizzo Scalino. La faccia l’avete messa nel nascondere l’accaduto. Perché ora non la mettete nell’ammettere e rendere pubblico il tutto? Sono stato in Valmalenco, ho parlato con la gente e con testimoni. L’opinione prevalente tra i testimoni, nei confronti di quelli che tacciono è: “Sono bigotti, servizievoli e cagasotto”. Non tutti però tacciono; ecco cosa mi hanno scritto alcuni testimoni:
Salve, vivo vicino a Sondrio e vorrei raccontarle una cosa alla quale ho assistito il  22 Agosto 2010. Io ero ad una messa sul monte Pizzo Scalino in Valmalenco e ho assistito ad uno strano fenomeno nel cielo. A me sembravano dischi di colore scuro e altri come me l'hanno notato. C'erano anche il Vescovo e il Parroco per le celebrazioni in corso oltre alle varie autorità, Carabinieri e soccorso Alpino. Possibile che nessuno ne abbia parlato?
Altra segnalazione:
Non mi interesso di ufologia ma sono venuta casualmente a conoscenza del suo blog e allora le ho inviato via email una foto da me scattata nell'agosto 2010 dopo una celebrazione religiosa sul Pizzo Scalino in Valmalenco. Ho soltanto cancellato le persone per non violarne la privacy ma lascio a lei giudicare cosa vi fosse alle loro spalle... un saluto Anna da Morbegno. 
Altra segnalazione:
Confermo che quel fantastico giorno del 22-8-2010 siamo saliti numerosi al pizzo Scalino con il vescovo Coletti. Era una giornata bellissima e piena di una energia spirituale elevata. Ci sentivamo tutti vicini a Dio. In quella occasione molte persone compreso il sottoscritto, abbiamo notato 3 oggetti discoidali iniziare a sorvolare la zona, prima a distanza e poi sempre più vicini. Alcune persone hanno iniziato anche a salutare questi oggetti che nonostante non fossero molto grandi, avevano comunque un diametro simile alla lunghezza di una nostra autovettura station wagon. Ci sono foto interessanti di quella giornata. Molte persone comunque temono di esporsi per non essere prese in giro. Purtroppo le valli sono bellissime ma sono molto piccole e chiuse e possono divenire luoghi di sofferenza se le persone vengono prese di mira. Basta farsi un giro in internet e vedere come molte persone dubitano di questi avvistamenti e sarcasticamente mettono in ridicolo il tutto o chiudono il caso dicendo che il 95% sono menzogne. Forse è ora di dire che la percentuale si sta dimostrando il contrario almeno qui. Saluti e buon lavoro. M.

Grazie delle vostre testimonianze. Se tutte le persone presenti a Pizzo Scalino si assumessero la stessa responsabilità, sarebbe possibile dimostrare la consistenza del fenomeno ufologico di quel giorno. Fotografie come quella sottostante, in modo inequivocabile dimostrano come la folla presente era consapevole di quanto si stava verificando. Gente che saluta, che fotografa, che si mette in posa. Ufo che si prestano ad essere osservati e fotografati.


Non si è verificato che casualmente sono passati di lì tre ufo e voi li avete visti! Quel giorno tre ufo guidati da intelligenze aliene, hanno scelto di presentarsi a voi mentre osservavate il panorama da Pizzo Scalino e mentre eravate in sintonia spirituale con il creato. Si sono manifestati in modo insistente e indubitabile. Alcuni di voi hanno salutato perché percepivano la presenza aliena come amica. Loro hanno colto i vostri pensieri. Voi avete colto i loro? Loro vi hanno proposto di ampliare i vostri orizzonti, di spaziare oltre i limiti umani della paura, dell'ignoranza, della parvenza.
Attendo le vostre testimonianze, meglio se firmate ma anche in anonimo.


mercoledì 20 marzo 2013

Il caso di Lanzada

Pubblichiamo l'interessante articolo di Dario Giacoletto tratto dal suo blog www.presenze-aliene.blogspot.it sul caso di Lanzada in Valtellina, avvenuto nel 2011.


IL CASO LANZADA


Ha dichiarato un ventenne di Lanzada, che nella serata del primo novembre 2011, tra le 19.04 e le 19.17 in cielo, proprio sopra il centro abitato di Chiesa di Valmalenco, ha notato una «luce rossastra che, dopo aver sostato per alcuni minuti, velocemente si è diretta verso di lui. Incuriosito dal fenomeno ed escludendo si trattasse di un elicottero, ha afferrato la macchina fotografica dal cruscotto e ha scattato una serie di foto. Sottostante n.043


Foto sottostante n. 044. L'ufo si avvicina e diventa evidente nei suoi particolari. La foto presenta inoltre, una serie di forme sferiche variamente colorate e di dimensioni diverse. Superficialmente si potrebbe pensare che si tratti di riverberi luminosi, dovuti a riflessi sull'obbiettivo. Si tratta invece di altra tipologia di presenze aliena, ovvero di ORBS in manifestazione tenue http://presenze-aliene.blogspot.it/2010/11/gli-orbs-ci-guardanoe-alcuni-loro.html per maggiori informazioni.


Continua il testimone dicendo, che il velivolo, «si muoveva velocemente e, fluttuando ondeggiava». Pare abbia rallentato la sua corsa, proprio all’altezza del bivio con la via San Giovanni di Lanzada, proprio dove si era accostato il fotoreporter per scattare le istantanee. La sottostante è la 045.


«L’oggetto, ha raccontato il giovane, aveva un colore pulsante le cui tonalità andavano dall’intenso rosso fuoco, all’arancione tenue e, mentre rallentava la corsa, emetteva un rumore elettrico sordo che, nel complesso, risultava piuttosto silenzioso». Dopo aver sostato brevemente sul bivio suddetto, sembra che l’oggetto volante abbia ripreso rapidamente la corsa verso il centro dell’abitato del paese e, più precisamente, in direzione del campanile della chiesa. Foto n.046. 


Questa è una bellissima fotografia, sia per la nitidezza che per il fatto che evidenzia come sono fatti i lampioni di Lanzada, riferito ai denigratori (i quali vogliono sostenere che l'ufo era un lampione). La luna aggiunge un tocco di poesia.. Con l'immagine 047, il testimone dell'avvistamento ufologico si sposta e raggiunge rapidamente la piazza.


Da lì ha continuato a scattare (i flash appaiono nitidi e dettagliati), finché, improvvisamente, i suoi occhi attoniti sono stati catturati da qualcosa di veramente insolito. 


Dal velivolo, nel frattempo collocatosi in modalità di quiete sopra l’edificio di culto «ho visto uscire due specie di sfere verdastre che rapidamente hanno aggirato la struttura, come se dovessero scannerizzarla», per poi rientrare nell’abitacolo “alieno” (così viene definito). Foto soprastante n. 048. Con la foto 049 sottostante, il teste riprende ingrandendo la stessa scena.


Con la foto n.050, si ha la migliore e dettagliata fotografia del caso Lanzada. Si evidenziano caratteristiche dell'ufo. Si ha la conferma che questa tipologia di ufo è ricorrente in Valmalenco e dintorni.


Nel frattempo le sferette verdi uscite dall'ufo, continuano a controllare (apparentemente o realmente?) il campanile. Foto sottostante n. 051



Le foto n.052 e 053, sono tentativi di ingrandire l'ufo, ma non sono particolarmente interessanti, in quanto il troppo zoom al buio, rende le foto non nitide. Per giunta, in questi casi di particolare eccitazione, chi fotografa tende a condizionare la qualità delle foto a causa della frenesia e agitazione. Dopo l’operazione l’Ufo si è allontanato con un bagliore. Foto sottostante n.055. Forse ha voluto salutare in modo inequivocabile, con la certezza di essere stato visto; e con fare anomalo rispetto alle dinamiche di volo cui siamo abituati si allontana. 


Dopo il bagliore il testimone scatta un'ultima foto. E' la sottostante n. 055, nel quale l'ufo esteticamente ridiventa simile alla foto iniziale.


Questa è la serie fotografica che ha generato il caso Lanzada 2011. Nella foto seguente, l'ufo non compare più. Per la verità però, qualcosa compare, ma non è possibile stabilire se è da porsi in relazione all'ufo fotografato più volte oppure è una manifestazione a se stante. Valuterò la cosa in seguito. Dalla foto 043 alla 055 sono trascorsi otto minuti.

Considerazioni sul caso
Il testimone ha effettuato più foto, con ricchezza di particolari, che si confermano a vicenda. Il fatto che non abbia reso noto il proprio nome, non costituisce prova di falso; anche perché in vallata tutti sanno di chi si tratta. Il problema è di alcuni stranieri. Il giornale locale (immagine sottostante) pubblicò la notizia il 12/11/11; ma in internet inizialmente circolò unicamente la foto n. 050. Questo fatto ha favorito il lavoro di discredito dei detrattori che, ignorarono intenzionalmente quanto riportato dal giornale. Immagine sottostante. Proprio vero che di ignoranza ce né così tanta nel mondo, perché ad alcuni viene donata gratis dal destino!


Come invece abbiamo potuto costatare, il racconto del testimone e quanto evidenziano le fotografie, è in piena coerenza. Pertanto io presento questo caso partendo dal presupposto d'innocenza e di genuinità. Se qualcuno mi invia documentazione incontestabile che si tratti di falso; io m'impegno a pubblicarla con uguale risalto.
Ovviamente nei siti che trattano ufologia, grandi discussioni circa la credibilità o meno del caso. Nei forum di discussione si è detto di tutto. Per fare un po' di chiarezza però, è opportuno cancellare quanto è frutto dell'ignoranza becera fine a se stessa, più quell'altra ignoranza a pagamento, ovvero strumentale per fini di disinformazione. Chi invece intende valutare seriamente e in modo sereno il caso; non può non chiedersi, “quante persone hanno visto l'ufo?” Quantificare il numero esatto è ovviamente impossibile, considerato che l'ufo ha percorso l'intera vallata della Valmalenco e quindi è stato visto da molti punti d'osservazione diversi. E' stato visto addirittura dalla Valtellina sopra Sondrio; pertanto come minimo i testimoni sono stati alcune centinaia. Come si sa però, molti preferiscono defilarsi per pigrizia, altri non possiedono un minimo di informazione al riguardo e preferiscono tacere. Alcuni intendono evitare seccature o il rischio di essere criticati. Ci sono poi coloro che, ancorati alla religiosità cattolica, temendo per la loro fede e condizionati dal fantasma del peccato, scelgono di nascondersi, dimenticandosi che il loro Dio dovrebbe essere il Dio di tutti compresi gli alieni. Il testimone fotografo ha invece giustamente e responsabilmente scelto di testimoniare e, per questo, deve essere ringraziato e apprezzato.
Domande di fondo: L'operazione ufologica svolta dalle intelligenze aliene sopra il campanile di Lanzada; mirava a scandagliare il campanile oppure, con il pretesto del campanile mirava a rendersi visibile e quindi contattare la comunità locale? Siamo certi che, considerando quanto in fatto di tecnologia e quindi di possibilità hanno a disposizione, non avrebbero potuto scandagliare il campanile (se veramente possono aver bisogno di questo) in modo non palese alla popolazione? Sarebbe stato sufficiente fare la stessa operazione alle tre di notte e il numero dei testimoni sarebbe sceso a picco. A parere mio si tratta quindi di intenzionale e palese approccio o contatto alieno, con la comunità locale e non solo.

UFO in Valtellina - 5 - Fratellanza Aliena


Pubblichiamo l'interessante articolo di Dario Giacoletto sulle Entita' ETA, tratto dal suo blog www.presenze-aliene.blogspot.it



Introduzione
Il termine alieno, a scanso di equivoci, significa “estraneo” pertanto, aliena può essere anche tutta quella fratellanza umana che di fatto e non a parole, si colloca in opposizione all'interesse collettivo del popolo italiano o dell'umanità intera. Mi riferisco a quella parte della massa umana che, anziché remare nell'interesse della barca collettiva, rema esclusivamente per se stessa e contro tutti gli altri. Questa è la casta terrestre/aliena degli ormai noti “alienati” autoproclamatosi “eletti”, nella sostanza “paranoici” che costituiscono l'oligarchia mondiale. Di questi, la crisi, la droga, lo spread o la disinformazione mediante le agenzie ecc.. sono un simbolo all'occhiello. Non è però di questi che intendo parlare nel presente post; ma di quella fratellanza aliena non umana, presente nel mondo e, per quanto riguarda in questo articolo, in Valtellina.



Entità Eta

In base a numerose testimonianze pervenute, nonché a materiale fotografico, emergono quelle che sono le caratteristiche delle presenze aliene che qui, più o meno regolarmente si manifestano. Come già espresso in altre occasioni ci tengo a ulteriormente evidenziare, la necessità di considerare il contatto, nell'ottica del rispetto assoluto, della considerazione, dell'accettazione. Per coloro che hanno mente libera e senso di fratellanza, invito ad andare oltre con l'intento di cogliere, conoscere e condividere quello che è il loro concetto di realtà in base al loro “paradigma di pensiero”. Paradigma significa “pacchetto di pensieri utilizzato”, in questo caso da quella presenza aliena. Noi esseri umani, pur nelle nostre diversità, adottiamo un complessivo “paradigma di pensiero terrestre”. Nel momento in cui i terrestri, mediante il loro paradigma di pensiero, si vanno a confrontare con presenze aliene; si confrontano i due diversi paradigmi. Quale la compatibilità e pertanto la possibilità d'intenderci? In Valtellina, le presenze aliene hanno manifestato prevalentemente, una grande disponibilità nei confronti della popolazione. Occorre però fare una precisazione che, emerge da una precisa domanda: “In Valtellina sono presenti unicamente alieni positivi (buoni)?” Io sostengo che questa domanda è legittima e necessaria, ma fuorviante; in quanto alieni positivi e negativi possono presentarsi occasionalmente ovunque. Non possiamo quindi “fare di tutta l'erba un fascio” e giudicare gli uni in base all'operato di altri! Quindi accortezza prima del giudizio. Meglio ancora non giudicare ma, valutare attentamente e poi decidere. Il gioco alieno è molto complesso e, non è facilmente comprensibile. Soprattutto l'essere umano deve chiedersi, se lui è qui sulla Terra per pura casualità; oppure in base all'accettazione di un progetto precedente che, andrà a determinare la sua realtà a venite. Perché per taluni esseri umani, il contattare presenze aliene è naturale e facile, mentre per altri è praticamente impossibile e ancora di più è inaccettabile qualsiasi forma di sintonia? Queste considerazioni vanno fatte, per comprendere il perché delle differenze di fondo, presenti nella mente umana. Tutto quanto detto, mira ad invitare le persone che contattano presenze aliene, a comportarsi in modo accorto. Diffidate di tutti, ma imparate a riconoscerli. Quando avrete individuato le diverse tipologie e le avrete conosciute, allora potrete stabilire quale diversità di atteggiamento è da tenere. Esattamente come è necessario prima conoscere il vostro vicino di casa e poi decidere quale atteggiamento confidenziale adottare. Una delle tipologie che più di frequente si vedono e fotografano in Valmalenco, è quella presente nella prima foto. Riproposta con una foto in sequenza nella sottostante.


Nell'articolo http://presenze-aliene.blogspot.it/2012/10/grigi-ebe.html ho accostato questa tipologia di presenza aliena, a quella dei Grigi o Ebe. In quell'occasione ho ritenuto che fosse proponibile quell'interpretazione. Era necessario far conoscere che esiste la tipologia dei Grigi. Ora, con maggiore spazio e documentazione ritengo opportuno precisare. Come appare chiaro dal materiale pervenuto, questa tipologia è estremamente disponibile al contatto, pacifica e, anche estremamente delicata nel decidere di contattare gli esseri umani. La cosa strana, è che in taluni momenti paiono addirittura avere timore degli esseri umani, sembrano quasi essere timidi. In quelle occasioni, si comportano come se loro conoscessero un aspetto del potenziale umano che ritengono pericoloso o nocivo e che noi ignoriamo. Eppure le loro possibilità sono decisamente superiori alle nostre. Prima fra tutte, il fatto che queste presenze sono ultra/dimensionali pertanto, padroneggiano la loro fisicità, la loro forma e hanno possibilità di velocità che non hanno paragone col genere umano. Il loro timore però, potrebbe essere indotto dal fatto che sono consapevoli del danno che ci potrebbero creare, qual ora agissero istintivamente in modo indelicato sulla nostra fisicità.



Ho affermato che sono ultra/dimensionali, cosa lo prova? Quella che noi umani consideriamo nostra dimensione, altro non è che la banda di frequenza di quell'energia che genera la nostra materia e quindi il nostro concetto di realtà. Queste entità sono in grado di uscire dalla loro banda di frequenza ed entrare dalla nostra banda di fisicità. Nell'immagine seguente (eseguita appena dopo l'immagine precedente) è possibile vedere come la presenza aliena dell'immagine soprastante, si va smaterializzando diventando evanescente, poi eterea, prima di scomparire. Loro, questa operazione sono in grado di farla in un attimo, in quanto anche il valore tempo è diverso dal nostro; quindi se quell'entità lo ha fatto lentamente, significa che intendeva lasciarsi riprendere. Teniamo sempre presente che siamo di fronte a entità fortemente telepatiche le quali anticipano il pensiero e l'azione umana.



Quando queste entità si trovano nei paraggi, la persona sensibile e accorta, ne percepisce la presenza pur non vedendole ancora, in quanto trasmettono una precisa sensazione.


Forse è il loro intenzionale modo di presentarsi o forse, è unicamente la conseguenza della loro presenza. Alcuni testimoni sostengono che, quando arrivano o se ne vanno, si percepisce un lieve sibilo. Resta da stabilire se si tratta di suono oggettivo e quindi percepibile da tutti, oppure soggettivo in quanto indirizzato alla mente telepaticamente in sintonia con loro. Propendo però per l'oggettivo in quanto, anche gli animali ne percepiscono la presenza. In particolare i cani, ma anche mucche e vitelli come viene affermato nel precedente articolo sugli umanoidi volanti, col caso valtellinese. Quando ci sono presenze aliene in zona, i cani si agitano e reagiscono con atteggiamenti e versi non abituali. E' possibile quindi servirsi di loro per individuare la presenza aliena. Occorre però tenere presente che in caso di presenza di entità negative; potrebbero in reazione facilmente eliminare i cani. In un caso verificatosi negli Stati Uniti, un'entità che era presente in forma sferica luminosa; infastidita da un cane che l'aveva individuata e la inseguiva; reagì violentemente quando andandosene incontrò altri tre cani. Il primo aveva desistito, intanto arrivato il proprietario del primo che sentiva il modo innaturale dei versi dei cani, vide i tre cani a terra in stato di liquefazione e la sfera andarsene. Sottolineo che queste sono altre tipologie aliene e non riguarda pertanto l'entità in questione in questo post. Non escludo però, che non dispongano le presenze aliene valtellinesi, di potenzialità a noi sconvenienti.



Nome della tipologia

Al momento, non dispongo del termine col quale identificare questa tipologia. Il termine Grigi non è corrispondente al vero; pertanto la chiamerò convenzionalmente Eta, dalla lettera H dell'alfabeto greco, in attesa di ulteriori sviluppi. Chi tra i lettori fosse in grado di informarmi circa il nome vero, è pregato di comunicarmelo. L'accostamento ai grigi, è motivato dal fatto che in taluni casi si presentano con parvenze simili a loro. Foto sottostante.



Entità Eta al buio

Ho affermato che queste entità padroneggiano la forma della loro fisicità. Quale sia il limite, non è al momento definibile. In taluni momenti paiono di bassa statura, in altri momenti, paiono molto più alti, come nell'immagine sottostante. In fondo, dentro i limiti umani, anche noi padroneggiamo la nostra fisicità. In molti casi, le entità Eta sono state viste come acquattate su quattro zampe.



Alcuni testimoni asseriscono di aver riscontrato sul terreno delle orme che ne attestano l'avvenuta presenza. Stessa cosa si verifica sporadicamente sulla neve. In alcuni casi, chi ne ha seguito le tracce, è rimasto sconcertato dal riscontrare che queste passavano oltre recinzioni che non era possibile a esseri umani scavalcare senza lasciare evidenti tracce. Oppure arrivavano davanti a un muro e comparivano a seguire sopra il tetto alcuni metri più in alto, oppure oltre il muro stesso, generando lo sconcerto dell'osservatore! Nella bellissima immagine sottostante, ancora l'entità Eta con la tipica postura a terra.



Contattismo


Quando queste presenze aliene contattano esseri umani, questi vengono definiti “contattati” e daranno luogo al fenomeno del contattismo. Nel passato, tra tutti il più noto è stato George Adamski, sebbene con entità aliene di altra tipologia e con veridicità degli eventi non completamente accertata. Altri poi hanno seguito, con le loro rivelazioni. Alcuni di questi erano falsi contattati che, per mitomania o per intenzionale azione di delegittimazione nei confronti dell'ufologia in generale, hanno svolto azione su disposizione del potere il quale non vuole che la questione aliena sia compresa dalla popolazione. In taluni casi il potere si è inserito nel gioco, condizionando l'informazione, alterando le prove, creando falsi testimoni che poi generarono contraddizioni e discredito.



Perché le entità aliene non contattano i governi


Chi è in grado di dimostrare che non sia già stato fatto? A parere mio è già avvenuto, ma l'informazione faziosa in mano agli stessi che hanno avuto il contatto, impone il diniego da parte loro. Perché, è la domanda seguente? Perché il potere che controlla il mondo si è affiancato a culture aliene che nulla hanno da spartire con la tipologia in questione in questo articolo e altre ancora. Questa è pacifista e quindi positiva, quelle in combutta col potere sono invece di tutt'altro indirizzo. Ecco il motivo per cui la gente non deve capire e sapere. La massa potrebbe scoprire di essere stata tradita dalle istituzioni per l'ennesima volta e quindi capire che il mondo è in mano ai traditori. Questa è la teoria della cospirazione, tanto disprezzata dai media e odiata nelle stanze del potere; ma tanto sostenuta dalle voci di corridoio e sulla pubblica piazza da testimoni diretti.


Per il motivo sopra esposto, la tipologia Eta si limita a contattare singolarmente o quasi, la popolazione. L'intento è di manifestarsi per farsi conoscere; ma anche quello di non interferire più di tanto nelle vicende umane. Se il potere terrestre avesse intenzione di contattarli, anziché inviare i caccia in Valtellina o altrove; invierebbe una delegazione attrezzata e legittimata per fare ciò. La cultura aliena Eta può permettersi di stare fuori dal gioco, o giocare come le pare. In fondo, gli autori di una umanità patetica e coi pantaloni a terra, sono proprio terrestri; e se i pantaloni non se li vogliono proprio tirare su, in fondo sono affari loro. Ecco perché gli alieni non vengono a salvarci dalla melma. Perché gli umani (mediante le istituzioni da loro tollerate)hanno scelto la strada della melma per la massa e del potere illusorio per l'oligarchia. Il rischio ora, è che il potere mafioso o N.W.O. compia azione negative sulla massa, spacciandole per intervento alieno/positivo, (in ottica negativa) per giustificare la strategia del “nemico a tutti i costi” che motiva forme di potere dittatoriale. L'invito ai terrestri quindi, non è quello di difendersi dalla tipologia aliena presentata; ma quello di difendersi dagli umani disumanizzati che, non essendo fratelli neanche del genere umano, non possono essere fratelli umani degli alieni/positivi. Presento ora un messaggio molto interessante, inviatomi da lettore, quale commento all'articolo sulle Ebe. Ovviamente per riservatezza non si espone il suo nome, fate buon uso del messaggio..

Buon Giorno e complimenti per il buon lavoro svolto molto esaustivo.

Sono un settantenne "VALTELLINESE" e notando il vostro articolo volevo mettere a disposizione una mia esperienza, positiva ed indimenticabile, avvenuta nel 1995 esattamente in Val di Togno (SO).
La mattina del 12 Ottobre mi sono inoltrato, a caccia, con un paio di amici in Val di Togno che si trova a fianco della Valmalenco. Caso volle che per un problema familiare grave, i due amici dovettero ritornare a casa.  Nonostante l'imprevisto io proseguivo la marcia.
Alcune ore più tardi, verso l'alba, per seguire un cervo molto grosso finivo stupidamente in un dirupo. Rotolando per 100 metri cadevo violentemente nel torrente sottostante. Nella caduta mi procuravo una frattura esposta ad una gamba. Nella caduta avevo perso lo zaino con all'interno le medicazioni ed il cellulare. PANICO! Stavo perdendo sangue, non riuscivo a muovermi, ero bagnato e stavo andando in ipotermia, inoltre non riuscivo a chiamare i soccorsi. Pensavo che avrei finito I miei giorni lì.
Dopo qualche ora in piena semi coscienza all'improvviso mi sono balzate vicino tre creature le quali fissandomi rimanevano immobili. Io, meravigliato, altrettanto facevo con loro. Erano i GRIGI esattamente come quella foto che avete pubblicato con la faccina all'interno della grotta. Capivo che erano intelligenti e con le ultime forze cercavo di farmi capire per farmi portare lo zaino rimasto tra le rocce molto più sopra. Alla fine due di loro allontanandosi a balzi ritornavano con lo zaino depositandomelo vicino. Solo dopo che chiamavo al cellulare i soccorsi e gli sorridevo di felicità e gratitudine si allontanavano velocissimi ed in silenzio.
 Una volta a casa "INGENUAMENTE" raccontai l'accaduto a parenti amici e conoscenti con la spiacevole conseguenza di divenire lo zimbello del paese. Io so solo che quelle creature mi hanno salvato e da quel giorno ho lasciato la caccia, e rispetto ogni essere vivente natura compresa.
In questo Sistema Mondiale pernicioso, materialista, e ingrato l'unica nostra salvezza sono i nostri giovani i quali devono sforzarsi ad aprire la mente ed accettare il prossimo ed aiutare chi ha bisogno, sganciandosi dalle catene dell'egoismo ed individualismo. Solo così potranno elevarsi spiritualmente come ha già cercato di farci comprendere molto tempo fa nostro signore GESU'.
NON SIAMO SOLI NELL'UNIVERSO E LA VITA E UNA FANTASIOSA ESPLOSIONE CREATIVA.
Grazie per lo spazio concessomi e buon lavoro a tutti.



Il grazie lo devo dire io per la tua testimonianza. Unica correzione, non si trattava di Grigi ma di entità Eta. Nulla cambia nella sostanza e, un grazie anche a loro.

UFO in Valtellina - 4 - Come nel mondo e qualcosa di piu'

Pubblichiamo l'interessante articolo di Dario Giacoletto sulla presenza ufologica nel mondo e in Valtellina, tratto dal blog www.presenze-aliene.blogspot.it

UFO in Valtellina - Come nel mondo e qualcosa di piu'


La presenza ufologica si manifesta in tutto il mondo; certamente però ci sono zone con traffico più intenso e altre meno. In taluni posti le manifestazioni tendono ad un certa tipologia, in altri posti ad altre. Sono però riscontrabili punti in comune un po' ovunque. In questa occasione, presento un caso noto che proviene da Creta verificatosi nel 2012 e lo accosto ad un caso valtellinese dello stesso anno. Ho scelto il caso di Creta perché la foto è nitida e le analisi effettuate, godono dell'approvazione degli analisti e fanno propendere per un grado di ipotizzabile genuinità molto alto. Ho scelto una foto valtellinese in quanto la similitudine estetica è notevole e la credibilità del teste pure. Anche qui le analisi fatte non hanno riscontrato indizi di falso. Più testimoni in tempi e luoghi deversi, che producono prove uguali, a livello probatorio non sono poca cosa! Dopodiché gli scettici possono anche tranquillamente negare che il sole esiste, basta che chiudano gli occhi affermando che loro non vedono niente!.

Ufo Creta: Per Abovetopsecret è reale
Una foto scattata ad uno scorcio suggestivo della Grecia ha rivelato una sorpresa: nel cielo turchese di Creta è apparso uno strano oggetto in volo dall’aspetto metallico e dalla forma insolita. L’immagine, inviata al sito Abovetopsecret, è diventata subito un caso negli Stati Uniti, finendo al centro di dibattiti ed approfondimenti (ne ha parlato anche George Noory, nella sua nota trasmissione radiofonica “Coast to coast”), perché quell’Ufo è il più chiaro e credibile fotografato negli ultimi anni.


LA FOTO SCATTATA A CRETA DA UNA COPPIA DI TURISTI
Gli esperti sono rimasti impressionati da quello scatto ripreso da una coppia di turisti tedeschi in vacanza, sulla cui buona fede tutti sono pronti a scommettere. Le prime analisi, in effetti,  hanno dimostrato che la foto è genuina. L’immagine sarebbe stata persino sottoposta ad un esame particolare, con un software in dotazione agli inquirenti americani e utilizzato nei processi penali. Una sorta di“perizia tecnica” a prova di tribunale, dunque, che avrebbe dato un esito importante: non risultano né alterazioni né manipolazioni al computer. Quello che si vede, c’era davvero al momento dello scatto.
Ma il punto è proprio questo: cosa c’era? L’ingrandimento mostra una struttura a cupola, dalla forma irregolare, che ricorda un po’ un Maggiolone della Volskwagen. Solo che questo si libra nell’aria… L’oggetto sembra riflettere la luce del sole, come se la sua superficie fosse di metallo. Eppure, quando i due turisti hanno immortalato il panorama- giurano- quella cosa non si vedeva. Ecco allora la testimonianza dell’autrice dello scatto: Il 19 agosto 2012, mio marito ed io stavamo guidando in direzione della bellissima spiaggia di Balos, a Gramvousa, sull’isola di Creta, dove stavamo trascorrendo le nostre vacanze. Percorrevamo una stradina sterrata che porta direttamente in spiaggia e per via delle buche guidavamo molto piano. Ad un certo punto, durante questo percorso di mezz’ora, ha attraversato la strada un gruppo di capre, così ne ho approfittato per scattare delle foto. Le ho fatte dal finestrino, riprendendo gli animali e anche me stessa riflessa nello specchietto. Poi sono scesa e ne ho fatte molte altre.

CIRCA UN’ORA E MEZZA PIÙ TARDI, QUANDO SIAMO ARRIVATI IN SPIAGGIA DOPO AVER RISALITO TUTTA LA COLLINA, IL CLIMA ERA MOLTO VENTOSO, COSÌ CI SIAMO RIPARATI IN UN BAR E ABBIAMO INIZIATO A GUARDARE LE FOTO APPENA SCATTATE. SOLAMENTE A QUESTO PUNTO CI SIAMO ACCORTI CHE C’ERA QUALCOSA NEL CIELO IN UNO SOLO DEGLI SCATTI.



UN DETTAGLIO FILTRATO DEL PRESUNTO UFO "A CUPOLA"

ABBIAMO ZOOMATO SULLA NOSTRA MACCHINA FOTOGRAFICA, MA NON RIUSCIVAMO A CREDERE A QUELLO CHE VEDEVAMO, TANTO ERA STRANA QUELLA FORMA. ABBIAMO DISCUSSO TRA DI NOI, PER CERCARE DI CAPIRE COSA POTESSE ESSERE, MA NON NE ABBIAMO IDEA. NON ABBIAMO NOTATO NULLA IN CIELO MENTRE SCATTAVO. NON ABBIAMO MAI FATTO ESPERIENZE ANOMALE. ERA UNA GIORNATA CALDA, SOLEGGIATA CON UN FORTE VENTO DI NORD-OVEST E TUTTO ERA SILENZIOSO.”

ABOVETOPSECRET  HA CHIESTO AD UN ESPERTO DI IMMAGINI DIGITALI, JEFF RITZMANN, DI ANALIZZARE LA FOTO. UN ESAME MOLTO DETTAGLIATO E TECNICO (CHE POTRETE LEGGERE SUL SITO ONLINE  HTTP://WWW.ABOVETOPSECRET.COM/FORUM/THREAD886584/PG1 ), DAL QUALE PERÒ EMERGE UN ELEMENTO FONDAMENTALE: QUALCOSA DI FISICO HA DAVVERO INTERAGITO CON LA FOTOCAMERA.  LA CUPOLA INFATTI RIFLETTE I RAGGI SOLARI PROPRIO COME CI SI ASPETTEREBBE DA UN VERO OGGETTO SOLIDO IN QUELLA POSIZIONE- LUCI ED OMBRE SONO CORRETTE E COERENTI. NON SOLO: DALLA PERIZIA SI RILEVA, NONOSTANTE LA FORMA APPARENTEMENTE IRREGOLARE, LA PRESENZA INVECE DI UNA FORTE SIMMETRIA E SPECULARITÀ.


L'ANALISI DELL'ESPERTO DI 'ABOVETOPSECRET' MOSTRA LA SIMMETRIA NELLO STRANO OGGETTO VOLANTE


L’ESPERTO NON È STATO IN GRADO DI STABILIRE LA DISTANZA DELL’UFO DALL’OBIETTIVO NÉ LE SUE DIMENSIONI, PUR IPOTIZZANDO CHE FOSSE ABBASTANZA GRANDE- ALMENO 40 PIEDI DI DIAMETRO, CIRCA 12 METRI. IN BASE ALL’ANALISI HA ESCLUSO CHE SI POTESSE TRATTARE DI UN INSETTO, DI UN UCCELLO, DI UN AEREO, DI UN FENOMENO ATMOSFERICO… MA NON SI SBILANCIA SULLA REALE NATURA DI QUELL’OGGETTO IN CIELO.

 INSOMMA, SI PUÒ DIRE CON CERTEZZA COSA NON È, MA NON COSA È.  JEFF RITZMANN AMMETTE: “ANALIZZARE FOTO DI PRESUNTI UFO SPESSO È OFFENSIVO PER UN RICERCATORE, PERCHÉ SONO QUASI SEMPRE DELLE BUFALE. IN 26 ANNI DI LAVORO MI SONO IMBATTUTO RARAMENTE IN FOTO DEGNE DI NOTA. TROVO CHE QUESTA SIA NON SOLO UNA DELLE PIÙ INTERESSANTI, MA ANCHE QUELLA CHE PIÙ MI CONFONDE. “

SABRINA PIERAGOSTINI

FONTE:  HTTP://WWW.EXTREMAMENTE.IT


Come nel mondo così in Valtellina e, qualcosa di più.

Proviene dalla Valtellina la foto del 2012 sottostante, che possiamo definire n.095. Presenta un ufo esteticamente simile se non uguale a quello di Creta. Se accettiamo per genuina la foto, siamo nella condizione di ipotizzare che si tratta dello stesso ufo o al limite di ufo diverso della stessa tipologia. Nel caso di Creta, si tratta di uno scatto singolo, mentre in Valtellina vi sono stati più scatti.


Uno di questi è la foto n. 0100 che a detta del testimone, presenta lo stesso ufo che gironzolava sul luogo, ripreso circa diciassette secondi dopo. Certo non è facile accertare che si tratti dello stesso; ma la testimonianza ha comunque un peso perlomeno ipotetico e, i tempi delle foto sono in coerenza. La foto presenta l'ufo mentre produce il tipico vortice che preannuncia la sua sparizione. Sia perché genera una forma nuvolosa, sia perché dopo il vortice paiono eclissarsi in altra dimensione. Resta da stabilire se anche la comparsa è visibile mediante un vortice. Interessanti sarebbero anche gli scatti tra 095 e la 100, nel caso che riprendano lo stesso ufo.


Un vortice similare è presente in altra foto n.0133 di altro testimone, della serie presentata inhttp://presenze-aliene.blogspot.it/2013/02/2-ufo-in-valtellina.html Accosto le due foto dei vortici, oltre che per il confronto dei vortici; per il fatto che la 0133 consente deduzioni interessanti. La 0133 manifesta sicuramente lo stesso ufo della 0130 quindi ipoteticamente l'ufo della 095, quello della 0133 e della 0130 sono la stessa cosa o tipologia e pertanto stesso discorso vale per l'ufo di Creta. Questa ipotesi deduttiva consente di affermare che: ufo esteticamente diversi, possono essere uguali nella sostanza ma, manifesti in veste diversa a secondo dello status del momento. 


Determinano il diverso status estetico, la condizione del campo energetico, la tecnica e tecnologia di mimetizzazione. Ricordiamo sempre che qui siamo di fronte a mezzi ultra/dimensionali la cui fisicità è diversa dalla nostra e quindi tutto va considerato diversamente. Se poi si volesse considerare eventualmente che si tratta di ufo fisici secondo la nostra fisicità; ricordo che attualmente la ricerca terrestre d'avanguardia, è indirizzata verso i “metamateriali”. I metamateriali sono materiali artificiali che hanno la particolare caratteristica della così detta “rifrazione negativa” ovvero riflettono la luce e le onde radar in modo anomalo. Fino al punto che, non producendo il riflesso o ritorno, diventano invisibili ai radar. A ciò va aggiunto quanto riportato nel post: http://presenze-aliene.blogspot.it/2012/11/ufo-aerei-e-invisibilita.html laddove viene evidenziata la caratteristica della trasparenza che, se parziale mentre l'oggetto viene colpito dalla luce solare, potrebbe generare un effetto paragonabile a quanto riportato dalla foto di Creta e dalla foto 095.
Valutare l'insieme di tutti i fattori estetici in gioco per quanto riguarda questi ufo, è impossibile. Certamente però, alcune caratteristiche possono essere individuate per il loro ripetersi.

PS:
Dopo la pubblicazione del presente post, ho ricevuto l'immagine sottostante che ulteriormente conferma, la presenza della tipologia di ufo in questione nella zona valtellinese.



Nuove immagini, nuove informazioni quindi, nuove considerazioni. Questo è il bello della ricerca..